Ricarica auto elettrica: costi e confronto con benzina e diesel

Ricarica auto elettrica: costi e confronto con benzina e diesel

La nuova mobilità ecologica alleggerisce i colpi inferti all’ambiente dalle attività degli esseri umani e pesa meno anche sul portafoglio: quindi vuoi sapere, per la ricarica dell’auto elettrica, i costi cui far fronte? Sei sulla pagina web giusta per te.

In questo articolo, raccontiamo quanto costa ricaricare un’auto elettrica e confrontiamo la spesa con quella per un pieno di benzina o di gasolio.

In più, valutiamo se sia più conveniente noleggiare una macchina elettrica o acquistarla.


SCEGLI UN’AUTO ELETTRICA A NOLEGGIO


Quanto costa il pieno di un’auto elettrica

Vediamo quanto costa il pieno di un’auto elettrica quando si utilizza per la ricarica una colonnina pubblica. In questo caso, il prezzo del servizio è indicato come tariffa a tempo oppure a kW. All’importo vanno aggiunti l’eventuale costo di abbonamento e altre spese supplementari per avere accesso al servizio.

Gli importi sono proporzionali alla potenza della colonnina: se è bassa, cioè fino alla soglia degli 11 kW, si spendono dagli 0,40 euro al kW agli 0,45; se è media, ovvero con potenza di 22 kW, le tariffe vanno da 0,50 a 0,60 euro per kW; per colonnine pubbliche con potenza superiore il costo arriva fino a 0,79.

Accesso gratuito al servizio o con abbonamento

Alcune colonnine pubbliche consentono un accesso gratuito al servizio; ma nella maggior parte dei casi è previsto un abbonamento mensile o annuale che offre prezzi ridotti fino a un certo numero di kW.
Facendo i conti complessivi, le ricariche delle macchine elettriche vanno dai 20 ai 30 euro a pieno, se lente, fatte con colonnine a bassa potenza.

Arrivano a più di 30 euro, se sono fatte con colonnine veloci ad alta potenza, che però non ricaricano completamente la batteria, ma solo fino all’80%.

Quanto costa ricaricare un’auto elettrica con la presa di casa

Prima di calcolare quanto costa ricaricare una macchina elettrica con la presa di casa, bisogna precisare che gli impianti elettrici delle abitazioni in Italia non superano i 3,3 kW di potenza. Questo significa che per fare una ricarica dell’auto elettrica a casa ai costi indicati sotto, è preferibile richiedere un aumento di potenza dell’impianto.
Infatti, senza un intervento di questo tipo, si rimarrebbe al buio ogni volta che venisse acceso un elettrodomestico mentre il veicolo elettrico è in carica.

È possibile incrementare la potenza dell’impianto domestico di 0,5 kW per volta fino a un massimo di 6 kW, di 1 kW per volta fino ai 10, e di 5 kW dai 10 kW in su. La spesa per ogni kW in più corrisponde a un importo fisso che finisce in bolletta. L’onere corrispondente annuale è pari a 24 euro.

Quali sono i costi di ricarica dell’auto elettrica a casa

Dopo aver chiarito a quali condizioni è preferibile fare il pieno di un’auto EV a casa, indichiamo la spesa da sostenere, partendo dall’ipotesi di mantenere la potenza consueta dell’impianto.

Ogni kWh che viene immesso nella batteria della macchina elettrica deve essere pagato sulla base delle condizioni prescritte dalla tariffa domestica. In media, i fornitori di energia hanno un costo che varia nell’intervallo tra 0,20 e 0,22 euro a kWh con un contatore impostato sui 3,3 kW massimi.

Ricaricando l’auto EV due volte alla settimana, il peso economico sulla bolletta ammonterebbe a circa 65 euro per una citycar immatricolata come veicolo a zero emissioni. La spesa aumenta però in modo considerevole per vetture più grandi: si può arriva a 150 euro in più in bolletta ogni mese.

I costi diventano più alti se la potenza del contatore viene aumentata.

Costo ricarica auto elettrica vs diesel

Costo di ricarica di un’auto elettrica vs costo del pieno di un diesel: quale dei due veicoli vince la partita del risparmio?
Non c’è una risposta definitiva che valga per tutti i modelli dei diversi segmenti automobilistici e tutti i contesti. Infatti, ci sono diversi aspetti che possono influenzare i consumi di una vettura diesel o elettrica. In più, va considerato il fatto che quest’anno i prezzi dell’elettricità sono aumentati a causa della crisi del gas dovuta alla situazione internazionale.

Si stima che il costo per chilometro di un’automobile elettrica sia tra 0,02 euro e 0,07 euro, mentre quello di una vettura diesel sia sui 0,06 – 0,07.

Auto elettrica vs benzina: i costi per il pieno

Mediamente le macchine elettriche risultano più economiche sul fronte dei consumi rispetto a quelle a benzina. Infatti, la spesa da sostenere per chilometro percorso con un motore a benzina è tra 0,08 euro e 0,09 euro.

Altri vantaggi di un veicolo elettrico sono il ridotto bisogno di manutenzione, gli incentivi statali, l’esenzione dal bollo per cinque anni.
Un altro aspetto determinante nella scelta delle automobili EV è l’azzeramento delle emissioni che rappresenta un beneficio per l’intera collettività.

Macchina elettrica: noleggio vs acquisto

Noleggiare un’automobile elettrica rappresenta una scelta più vantaggiosa sul piano economico rispetto all’acquisto. Infatti, grazio al noleggio a medio o a lungo termine è possibile sostenere un comodo canone mensile, invece di un prezzo d’acquisto ancora piuttosto alto.

Il contratto di noleggio comprende la polizza assicurativa e tutti gli interventi di manutenzione, che invece sono a carico dell’acquirente nel caso dell’acquisto.

NOLEGGIA UN’AUTO ELETTRICA

Fleet Management: Il partner ideale per la tua mobilità

Fleet Management nasce come polo di aggregazione di diversi professionisti del settore automotive con l’obiettivo di offrire soluzioni di mobilità innovative e personalizzate. Non esiste una soluzione ottimale per tutti, ma una mobilità su misura capace di generare risparmio di tempo e denaro.

Tutto questo passa per la consulenza e la professionalità dei diversi specialisti che operano all’interno di Rent Mobility Store, il concept store di Fleet Management

Categorie articoli